Vai al contenuto
Diminuisci la visualizzazione Incrementa la visualizzazione Resetta la visualizzazione
SINP - Vai al Portale territoriale Provinciale
Nuovo sopralluogo alle scuole di Camerino

Si continua a lavorare alacremente e in piena estate, a ritmi serrati, nel cantiere dell’Itc e G. e del Liceo socio pedagogico di Camerino per ultimare, nel più breve tempo, tutte le strutture destinate ad accogliere l’attività didattica ed amministrativa delle scuole. Questa mattina il presidente Antonio Pettinari ha compiuto un ulteriore sopralluogo.
“Abbiamo dovuto riparare prima i danni - ha spiegato ai giornalisti intervenuti sul posto - e poi iniziare i lavori di completamento. C’è stato bisogno di una grande energia e di una forte determinazione per accelerare le opere rimaste a metà dopo il sequestro del cantiere seguito alla risoluzione del contratto. Ad oggi, nonostante la task force istituita dalla Provincia sul cantiere, le cose da fare sono tante, pure se si è lavorato per tutto il mese di agosto senza riposo”.
Ad accompagnare Pettinari c’erano gli ingegneri Luca Fraticelli, Goffredo Nobili  Roberta Fattoretti, nonché l’ing. Cesare Spuri, coordinatore della task force. Con loro anche Dario Conti, sindaco di Camerino, il consigliere provinciale Gabriella Mazzoli ed il consigliere comunale Giorgio Bottacchiari, oltre agli assessori provinciali Leonardo Lippi e Alessandro Biagiola. Pettinari ha illustrato ai presenti l’iter seguito per l’accelerazione dei lavori e, in mezzo alle tante squadre di operai al lavoro, ha visitato le varie ali della costruzione che sta per essere resa agibile per ospitare gli studenti. “Entro la fine dell’anno di certo concluderemo i lavori - ha detto Pettinari - pure se l’auspicio è di poterlo fare prima. Non dobbiamo dimenticare che l’edificio va messo in sicurezza e non dobbiamo lasciarci tentare dalla fretta, peraltro giustificabile, di alloggiare prima possibile studenti, docenti e personale scolastico. Sarebbe bello poter iniziare l’anno in questa sede, ma non v’è nessuna certezza che questo possa verificarsi. Di sicuro faremo il possibile, l’impossibile e quanto sarà nelle nostre capacità perché a settembre la campanella suoni nel nuovo Istituto”.
Il completamento della struttura è finanziato dalla Regione con i fondi statali del terremoto e, dunque, non è bloccato dal patto di stabilità.

  • Data di pubblicazione: 20/08/2013 ore 12:44
Condividi questa pagina con:
Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • MisterWong
  • Y!GG
  • Webnews
  • Digg
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Alltagz
  • Ask
  • BarraPunto
  • blinkbits
  • BlinkList
  • Bloglines

Cerca nel sito